IL PROGETTO SULLA PALMA DA DATTERO

Il Progetto Miglioramento e valorizzazione della palma da dattero nelle oasi di Al Jufrah in Libia finanziato dalla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero Italiano degli Affari Esteri e coordinato dall’Istituto Agronomico per l’Oltremare di Firenze in collaborazione con il Ministero Agricoltura Libico trae origine dagli impegni assunti dall’Italia e dalla Libia per rafforzare e sviluppare le relazioni tra i due paesi.

Presentazione del progetto ›› Consulta il documento del progetto ››

Descrizione iniziativa

Il governo centrale e le amministrazioni locali libiche condividono l'interesse a migliorare i sistemi agro-silvo-pastorali.
Il governo italiano, nell’intento di sostenere la “valorizzazione agricola dei terreni bonificati dai residuati bellici della II Guerra Mondiale”, ha pertanto avviato una proficua opera di assistenza e di collaborazione nel settore agro-zootecnico e ambientale.
Ad Al Jufrah le attività concordate dai due paesi, avviate nel maggio 2009, intendono sostenere lo sviluppo economico locale attraverso azioni coordinate a favore dei produttori, singoli o associati, di datteri.

Strategie

Per realizzare un’integrazione verticale, dal produttore al consumatore, ed orizzontale, associazione dei soggetti interessati alle attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti,  il Progetto prevede il coinvolgimento dei vari attori dell’intera filiera del dattero attraverso la promozione e il rafforzamento delle associazioni per la gestione di attività produttive e commerciali.
A tale riguardo è stata presa a riferimento l’esperienza maturata in Italia nel campo della promozione dei prodotti tipici Locali (IGP e DOC/DOP), nella logica di una valorizzazione del prodotto e dell’intero territorio, favorendone la tutela e la promozione.

La strategia si ispira a due principi guida:
  • Individuazione e garanzia di un dattero di qualità attraverso:
    • disciplinari identificati assieme ai produttori, in grado di vincolare gli stessi a precise norme di produzione
    • omogeneità e qualità del prodotto finale
    • rispetto dei sistemi tradizionali di produzione attraverso l’applicazione di pratiche colturali a basso impatto ambientale
    • creazione di un marchio collettivo
  • Tutela della agro-biodiversità rafforzando i sistemi tradizionali d’uso e di gestione delle oasi

Dati gli scopi eminentemente pratici applicativi si è fatto ampio ricorso a tecniche partecipative miranti al coinvolgimento di tutti i soggetti interessati alle diverse fasi della produzione, trasformazione e commercializzazione del dattero.

Obbiettivi

L’iniziativa si è proposta quale obiettivo generale, quello di individuare misure tecniche ed economiche finalizzate al sostegno e al potenziamento della filiera del dattero, favorendo lo sviluppo sociale ed economico nella Regione delle Oasi di Al Jufra, mentre gli obiettivi specifici sono rappresentati da:

  • conservare e migliorare il patrimonio genetico e i sistemi di coltivazione delle palme da datteri
  • valorizzare la produzione, trasformazione e commercializzazione, interna ed esterna, delle varietà locali di datteri
Tali interventi hanno portato a:
  • incrementare, a livello quantitativo e qualitativo, la produzione di datteri attraverso la selezione e il miglioramento genetico delle varietà locali
  • introdurre sistemi colturali in grado di ottimizzare l’uso di risorse idriche ed energetiche riducendo gli effetti negativi esterni
  • migliorare i sistemi di trasformazione e vendita dei prodotti all’interno e all’estero